8 Step per Fare Pubblicità Online di Successo

Fare pubblicità online sembra semplice…ma ti assicuro che non lo è!
Il rischio di perdere soldi e tempo nello sviluppo di campagne su Google Adwords, Facebook Ads, YouTube Ads, ecc…è davvero dietro l’angolo.


IN QUESTA PUNTATA IMPARERAI:

1) Gli 8 passi da compiere per sviluppare una pubblicità online efficace
2) Evitare di sprecare soldi senza ottenere i risultati che cercavi
3) La metodologia che adottiamo noi di Lead Generation Italia


La Pubblicità Online…

Quante volte ti è capitato di provare a fare una campagna su un qualche canale, magari investire 100, 200, 500 €…e vedere che i risultati nemmeno ripagavano l’investimento?

Bhe… questo è uno scenario che accade più spesso di quanto tu possa immaginare.
Il problema è che poi, l’imprenditore o professionista, si convince che il web non fa per lui!
Sbagliato!

Non è il web che non fa per lui….ma il metodo che è sbagliato.

In questo video ho voluto condividere gli 8 passi fondamentali per una qualsiasi campagna online.

Indipendentemente dal mercato in cui operi.
Indipendentemente da canale che scegli.

Questi 8 passi di guideranno nello sviluppo di campagne pubblicitarie di successo senza sprecare soldi e tempo.

Inoltre, non dimenticare che fare pubblicità sul proprio sito è molto rischioso.
Più del 96% del traffico viene sprecato!

Molto meglio fare pubblicità online su un FUNNEL DI MARKETING che ti porti vantaggi in termini di:

1) MENO SPRECO DEL BUDGET PUBBLICITARIO
2) ACQUISIZIONE DI TRAFFICO DI PROPRIETA’
3) AUMENTO DEI CLIENTI
4) DIFFERENZIAZIONE DELLA CONCORRENZA
5) AUTOMAZIONE DEI PROCESSI PER AVERE PIU’ TEMPO


Gli 8 passi da compiere per sviluppare una pubblicità online efficace:

In questo video voglio mostrarti gli otto punti fondamentali a cui devi prestare attenzione quando lanci una campagna per promuoverti online. Indipendentemente da qual è il tuo business o indipendentemente da cosa vendi, servizi o prodotti, devi prestare attenzione a questi otto punti.


1- Gli Obiettivi.

Il primo punto è che devi avere ben chiaro quelli che sono i tuoi obiettivi. Quando mi capita di fare consulenze con imprenditori professionisti cerco bene di capire qual è l’obiettivo finale che ha l’imprenditore. È quello di vendere un prodotto o servizio? È quello di fare lead generation? È quello di aumentare i fan della propria campagna social? È quello di mettere in sala un insieme di persone per un corso? Insomma, è molto importante che tu definisca l’obiettivo finale di quella che è la tua campagna.



2- Il Target.

Il secondo punto è quello di capire, ricercare e selezionare con attenzione il tuo target di riferimento. Specialmente per certe campagne, tipo campagne con Facebook Ads, o anche con Google Adwords, oppure con le campagne DEM, che sono quelle di Direct Email Marketing, cioè di marketing diretto ad un target specifico, è molto importante capire, ricercare e selezionare quello che è il tuo target, perché devi avere in mente chiaramente chi è la persona alla quale puoi risolvere il tuo… la sua necessità, il suo bisogno con il tuo prodotto o con il suo servizio. Chi è che sta cercando i tuoi corsi, chi è che sta cercando la tua consulenza, chi è che sta cercando il tuo prodotto: bene, identificalo. È uomo o è donna, che età ha, perché più tu vai ad identificare questo target e più puoi capire meglio qual è il canale migliore per andare a toccare.
 Questo, attenzione: ti fa risparmiare una montagna di soldi. Quindi ragiona un po’ di più, prima di spendere i soldi, su quella che è la tua ricerca e selezione del target a cui approcciare.


3- La Creatività.


Il terzo punto è disegnare la tua creatività. La tua creatività è la landing page, è l’opt-in page, è la pagina dove tu andrai a raccogliere i contatti, è dove tu andrai a promuovere i tuoi prodotti e i tuoi servizi. Deve essere professionale. Ancora oggi vedo delle pagine veramente brutte, sbagliate a livello di marketing, e anche qui vai a lasciare sul tavolo una montagna di soldi, perché gli indici di conversione, che sono quegli indici che da persone che visitano la tua pagina, persone che compiono l’azione che tu vuoi, che può essere quella di raccogliere la mail, che può essere quella di darti il like, che può essere quella di richiedere maggiori informazioni per saperne di più sul tuo prodotto o servizio, alle volte queste pagine sono pacchiane o hanno degli errori macroscopici come quelli che sono magari non avere una call to action a prova di stupido…
 Le call to action sono quei pulsanti per dirgli esattamente cosa devono fare. Okay?
 Tante volte vedo errori del genere. Bene: la creatività è molto importante. Quindi, la landing page, l’opt-in page deve essere molto importante e quindi è il terzo punto a cui devi prestare attenzione.



4- Il Copy.

Il quarto punto a cui devi prestare attenzione quando fai la campagna online è il copy, ovvero il messaggio che vai a comunicare al tuo potenziale utente. L’incentivare il compiere l’azione, il fatto di, effettivamente, fargli notare che ha un problema, e che tu sei la soluzione. Il copy è altrettanto importante, e questo ovviamente è un punto molto importante.
Poi, una volta creato quindi l’aspetto visivo…


5- Il Budget.

Il quinto punto è il budget. Il budget, chiaramente, è l’ammontare di soldi che tu sei disposto a spendere per… in questa campagna specifica, e su quali canali: magari Google Adwords, magari Facebook Ads, magari le campagne DEM. Quindi, dove vuoi spendere il tuo budget? Generalmente, il consiglio che io do è quello di testare piccole porzioni più che grandi investimenti, su diverse campagne, vedere quelle che hanno i ritorni maggiori e poi su quelle puntare.



6- Il Test.

Il sesto punto è quello di testare. Sappi che se c’è un marketer che alla prima campagna che eventualmente ti segue, o sei tu stesso che fai una campagna per te, e pensi di centrare l’obiettivo al primo tiro di freccetta, bene, allora chapeau, congratulazioni. Io personalmente un po’ diffido dai guru del marketing che dicono che alla prima campagna ottengono risultati strabilianti, perché il vero segreto del marketing è testare. Testare, testare e testare. È per questo che, piuttosto che, nel punto numero cinque, che è il budget, investire grandi investimenti su una campagna sola, quindi rischiare tutto sul piatto, ti conviene diversificare le varie campagne e vedere quella che ti porta più risultati.
 Può essere Linkedin, può essere Adwords, può essere Facebook, possono essere altre situazioni.


7- L’Analisi.


Una volta fatto il punto sei, dove tu testi, il punto sette è vedere cosa ha funzionato: analizzare. Analizzare quelle che sono state le varie campagne e cosa ti hanno portato in termini di lead generation. Non ti fare ingannare per quelle che sono le visualizzazioni o per quelle che sono le visite. Sono dati relativi. Quello che a te serve è il dato che più si avvicina all’obiettivo che tu realmente hai.

Quindi, in questo momento qui, il punto sette è il punto in cui tu analizzi, in cui cerchi di capire qual è il canale che ti ha portato più risultati, qual è la landing page che ti ha portato più risultati, qual è il copy che ti ha portato più risultati.
 Ed è ovviamente una fase di analisi: può essere un po’ noiosa ma è veramente molto importante, perché anticipa il punto numero otto, che è quello poi di ri-spendere dove hai visto che funziona. Sulla landing page che converte di più, sulla campagna che converte di più, ed eventualmente testare: magari landing page diverse o canali diversi, sempre con il punto otto, quindi testare con il procedimento per valutare situazioni diverse che ti possono sempre aumentare. 
Questa credo sia l’essenza di una campagna online, indipendentemente dal tuo settore, indipendentemente dal tuo mercato, e anche dal tuo budget. Se hai pochi soldi o tanti soldi, questa penso sia una check-list che devi tenere presente.


8- Il Funnel.

Una cosa molto importante, ovviamente, è creare il tuo funnel di marketing, la tua macchina che, una volta generata una tua campagna efficace lavora per te per consegnare quelli che sono i tuoi contenuti, comunicare meglio il tuo valore, differenziarti dalla concorrenza e ovviamente, essendo una macchina che una volta costruita non ha più necessità di altro, ovviamente lavora per te in modo automatico, e quindi ti fa risparmiare anche tempo. 



Bene! Per oggi è tutto, spero di esserti stato utile in questo video! Mi raccomando, rispetta tutti gli otto punti prima di attivare la tua campagna, e ci vediamo nel prossimo video. Ciao!